Due parole per dire

che ho sempre pensato che la poesia
potesse essere di tutti, universale
e non degli imitatori degli imitatori.

che potesse essere come il Jazz,
un’improvvisazione che approdi là
dove non è mai ben chiaro.

come le nostre vite,
pronte a essere spezzate
ora o dopo o quando.