poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI …

Mese: agosto, 2012

FIERO DEL LIBRO

SECOP Edizioni
presenta
FIERO DEL LIBRO
2^ Fiera dei lettori, fieri di esserlo
2 – 3 – 4 settembre 2012
CORATO – Piazza Mentana

Domenica 2 settembre 2012

h. 18:00 INAUGURAZIONE

Introduce:
Raffaella LEONE – P.R. SECOP Edizioni

Interventi di:
Luigi PERRONE – Sindaco di Corato
Francesco SCHITTULLI – Presidente Provincia di Bari

Ospiti Internazionali:Goran DJORDJEVIC (Serbia); Dragan MRAOVIC (Serbia);
Kayoko YAMASAKI (Giappone); Ljubica RAJKIC (Romania).

h. 18:15 “EMOZIONI IN POESIA”
a cura degli Alunni della IV A della Scuola Primaria del Convitto “D. Cirillo” di Bari

h. 18:30 PREMIAZIONE
CONCORSO NAZIONALE DI POESIA DIALETTALE “Nicola Piacente”
Interventi di:
Marco I. DE SANTIS – Presidente Giuria
Michele MUSCHITIELLO – Direttore Collana Tradizioni Popolari

h. 19:00 “Per più fiate li occhi ci sospinse quella lettura…”
POESIA e… LETTURA
Interventi di:
Daniele GIANCANE, Dragan MRAOVIC, Gianni Antonio PALUMBO, Gheti VALENTE, Lorenzo CAIOLO, Elisa FORTE, Luigi TOSTI..

h. 20:00 “Aguzza qui, lettor, ben li occhi al vero…”
POESIA e… POLITICA
Interventi di:
Pino PISICCHIO, Ljubica RAJKIC, Nicola DE MATTEO, Nicola FACCHINI.

h. 21:00 “LA BAMBINA CIECA E LA ROSA SONORA”
Concert/Ballett
testo per musica di Anna Maria FARABBI
musica di Vincenzo MASTROPIRRO
coreografie di Roberta FERRARA
a cura di:Mastropirro Ermitage Ensemble
Vincenzo MASTROPIRRO – flauti/direzione
Giambattista CILIBERTI – clarinetto/sax tenore
Domenico BRUNO – pianoforte
Luigi MORLEO – percussioni

Compagnia di danza contemporanea
Equilibrio Dinamico
Francesca EVANGELISTA, Serena ANGELINI, Antonella ALBANESE, Beatrice NETTI, Tonia LATERZA, Daniela ADDANTE.

Lunedì 3 settembre 2012

h. 10:00 “Di maraviglia, mi dipinsi…”
POESIA e…… TERRITORIO
Gita a cura del FAI

h. 18:00 “Al fine di Volare”
Spettacolo di Danza a cura di DANZARTE – Corato
Coreografa: dott.ssa Pina SCARPA

h. 19:00 PREMIAZIONE CONCORSO BIBLOS
Riservato agli alunni delle scuole primarie e materne di Corato
Interventi di:
Luigi PERRONE – Sindaco di Corato
Franco CAPUTO – Assessore alla P.I.
Rosaria SCISCIOLI – Referente Progetto BIBLOS

h. 20:00 “O muse, o alto ingegno, or m’aiutate…”
POESIA e… CINEMA – TEATRO – COMUNICAZIONE
Interventi di:
Giorgio GINORI, Pippo MEZZAPESA, Nico CIRASOLA, Goran  DJORDJEVIC, Antonio STORNAIOLO, Donato ALTOMARE, Rino BIZZARRO, Gianpaolo BALSAMO.

h. 21:00 I COLORI DELL’ANIMA – Vincent Van Gogh
da “Lettere a Theo”
Performance Teatrale con Videoproiezione
di Lino DE VENUTO

a cura di Lino DE VENUTO
Collaborazione Tecnica: Floriana UVA

Martedì 4 settembre 2011

h. 10:00 “Tu se’ lo mio maestro e’l mio autore…”
POESIA e… SCUOLA
Incontro aperto agli insegnanti delle Scuole di ogni ordine e grado di Corato
Interventi di:
Livio SOSSI, Angela DE LEO, Franco VANGI, Vito DI CHIO.

h. 18:00 CIELI BAMBINI
Spettacolo per Bambini tratto dall’omonima Antologia della Poesia Italiana Contemporanea per Ragazzi “CIELI BAMBINI”
a cura di Teatrificio 22
h. 19:00 “cantavan tutti insieme ad una voce…”
POESIA e… MUSICA
Interventi di:
Vincenzo MASTROPIRRO, Zaccaria GALLO, Loredana PIETRAFESA.

OMAGGIO A Cristanziano SERRICCHIO
a cura di Salvatore Francesco LATTARULO

h. 20:00 “ché ‘l bene, in quanto ben, … quanto più di bontate in sé comprende.”
POESIA e… IL BENE
Interventi di:
Gabriele NISSIM, Kayoko YAMASAKI, Paolo FARINA, Oronzo LIUZZI, Marco SAYA, Nicola ACCETTURA.

h. 21:00 IL GIUSTO
di Zaccaria GALLO

a cura del Gruppo Euterpe 2010
Zaccaria GALLO, Enzo CIANI, Francesca CANGELLI, Max SPAGNOLETTI, Massimo BINETTI, Natale BUONAROTA, Nicola ACCETTURA, Maria Antonietta MASCIOPINTO, Sabina MINERVA, Elisabetta MASTROTOTARO, Pia FERRANTE, Lucrezia DELL’OLIO.

Musicisti :
Vittorio GALLO – sassofoni
Adolfo LA VOLPE – chitarre
Giovanni CHIAPPARINO – percussioni
Federica D’AGOSTINO – voce

Corpo di ballo  YDC ( Young Dance Company)
di Sara ACCETTURA

LABORATORI

Domenica 2 settembre 2012
h. 18:30 LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE CREATIVA
“Fare Poesia”
a cura di Angela MALCANGI
(dai cinque anni in su con prenotazione)

Lunedì 3 settembre 2012
h. 18:30 LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE CREATIVA
“99 modi di dire gatto”
a cura di Laura FUSCO
(dai cinque anni in su con prenotazione)

Martedì 4 settembre 2011
h. 18:30 LABORATORIO DI MANIPOLAZIONE CREATIVA
“Leggere le figure”
a cura di Massimiliano DI LAURO
(dai cinque anni in su con prenotazione)

ISTALLAZIONI ARTISTICHE

40 PICTURES OF SILENCE
di Nicola SCARINGI

POESIE INVISIBILI
di Oronzo LIUZZI

MURO COME UN PESCE
Mostra collettiva itinerante di illustrazione
a cura di: Alice Lotti e Laura Fanelli

info@fierodelibro.it
per prenotazioni: 080 8727960

Sito neo casa editrice

 

http://www.marcosayaedizioni.com/index.htm

Scrittori

Oggi, ascoltando e apprezzando le poesie scritte da alcuni detenuti a San Vittore, pensavo che molti dei nostri scrittori dovrebbero ivi soggiornare per almeno un anno al posto di vegetare nei loro salotti spelacchiati e ammuffiti.

Strange Fruit

Gli alberi del Sud fanno strani frutti,
sangue sulle foglie e sangue alla radice.
Corpi che dondolano alla brezza del Sud,
strani frutti appesi ai pioppi.

Scene pastorali del galante Sud,
occhi che strabuzzano e bocche contorte.
Profumo di magnolia, dolce e fresco,
poi il puzzo improvviso della carne bruciata.

Qui ci sono dei frutti da beccare per le cornacchie,
da far marcire per la pioggia, da succhiare per i venti,
da far imputridire per il sole, da far cadere per gli alberi.
Qui c’è uno strano, amaro raccolto.

Josh White

Il Partito della Costituzione di Marco Travaglio

Dobbiamo prepararci a difenderne tanti, di magistrati aggrediti e isolati dal potere. I 100 mila che in quattro giorni han firmato l’appello del Fatto per i pm siciliani si tengano pronti: presto dovremo richiamarli a raccolta per altre battaglie in difesa della Giustizia, nella speranza che nasca un Partito della Costituzione che contrasti questo schifo. Fino all’altroieri ci si domandava cosa accomuni l’allegra ammucchiata Pdl-Udc-Pd che non solo sostiene il governo Monti con la benedizione apostolica del Colle, ma ha una gran voglia di stabilizzare il ménage à trois nella prossima legislatura. Ma ora la risposta è arrivata: il mastice che tiene insieme la più arlecchinesca Armata Brancaleone mai vista dai tempi del film di Monicelli è la sete di vendetta contro la magistratura, almeno quella che prende sul serio la propria indipendenza da ogni altro potere per garantire l’uguaglianza di tutti i cittadini. In una parola, l’odio per la Costituzione. Prima il presidente Napolitano e poi il governo Monti hanno trascinato alla Consulta magistrati che disturbano il potere: i pm di Palermo che indagano su chi trattò con la mafia e il gip di Taranto Anna Todisco che sequestra gli impianti omicidi dell’Ilva. In entrambi i casi il potere politico accusa il giudiziario d’invasione di campo, come se non spettasse alla magistratura decidere se e quando distruggere un’intercettazione e fermare una strage in corso da anni nell’indifferenza dei governi incapaci e/o complici in Puglia e a Roma. Ma a questo siamo: quando c’è di mezzo il potere, politico o industriale, la legge non è più uguale per tutti. I magistrati devono voltarsi dall’altra parte, od obbedire al potere. Se no, peggio per loro. A sindacare i loro insindacabili provvedimenti provvedono Quirinale, Pg della Cassazione, partiti, governo, addirittura il ministro della Giustizia che acquisisce le ordinanze del gip non si sa bene a che titolo, ma con sicuro effetto intimidatorio (anche sul Riesame, che sta ancora scrivendo la motivazione). Mentre noi comuni mortali, per contestare una sentenza sgradita, non abbiamo altra arma che impugnarla in appello e in Cassazione, lorsignori si rivolgono direttamente alla Corte costituzionale, cioè a giudici nominati dalla politica: oseranno mai dare torto al Presidente e al Governo, innescando gravi “scontri istituzionali”? La giustizia domestica regola e sistema tutto nelle segrete stanze. E tutti i magistrati impegnati in inchieste delicate sono avvertiti: non s’azzardino a dare torto al potere. Colpirne due o tre per educarli tutti. È il trionfo dell’abuso e del conflitto d’interessi. Napolitano ha un interesse personale nel conflitto aperto con i pm di Palermo (mettere la sordina alle sue telefonate con Mancino). E così vari ministri del governo Monti che aggredisce il gip di Taranto sono pappa e ciccia con l’Ilva e i suoi padroni (per esempio i due Corradi: Passera, a Banca Intesa, era socio di Riva nella Cai, ed era pure l’advisor che lo chiamò nella compagnia; Clini, dalle intercettazioni, è descritto come la quinta colonna dell’Ilva al ministero dell’Ambiente). E così il Pd col suo ex candidato Ferrante, per non parlare dei soldi di Riva a Bersani e Forza Italia. Spudoratamente sull’Unità Giovanni Pellegrino esprime tutto il suo “rimpianto per la magistratura degli anni 60, che riteneva che nell’applicazione della legge l’interesse generale dovesse prevalere”. Ah quei begli insabbiatori di una volta! Quella magistratura forte coi deboli e debole coi forti, che lasciava intonso mezzo Codice penale per non disturbare i manovratori, infatti non indagava mai su tangenti, collusioni e inquinamenti. Questo si vuole. Viva la faccia, almeno è tutto chiaro. Nel caso Ilva non si può nemmeno sventolare la solita scusa delle toghe che parlano troppo e “fanno politica”: nessuno sa come la pensi la gip Todisco, né che voce abbia. Eppure la colpiscono lo stesso. Come dice Davigo, “non ce l’hanno con noi per quello che diciamo, ma per quello che facciamo”.

Da Il Fatto Quotidiano del 14/08/2012.

Teoria

Ogni qualvolta una teoria ti sembra essere l’unica possibile, prendilo come un segno che non hai capito né la teoria né il problema che si intendeva risolvere.

( Karl Popper )

Aforisma

Il mondo intellettuale si divide in due classi: da una parte i dilettanti, dall’altra i pedanti.

( Miguel de Unamuno )

discussione

litigavo con la Morte, oggi. le chiedevo il senso
di questo sbattimento per arrivare a fine mese
o alla terza settimana, visti i tempi. e poi perché
con tutto questo spazio nell’universo ci si affollava
in un unico gramo buchetto nero che ciascuno poteva possedere
il proprio senza dover sopportare l’altrui villania.
sogghignava la scellerata canticchiando:
Non ti scordar di me la vita mia legata è a te
c’è sempre un nido nel mio cuor per te

idea

teneva in mano un’idea sgualcita e la guardava soppesandola ( su e giù ). poi, anelando a essere libera, scivolò via, barcollò e si sciolse sulla polo. ben poca cosa doveva essere, gli aloni scomparvero con una lieve spruzzata di viavà.

oltre il proprio naso

tra mille anni qualcuno sorriderà nel vederci così come oggi siamo, “sapienti” nell’aver studiato l’umanità di mille anni addietro e dopo altri mille anni qualcuno giudicherà ciò che deve ancora avvenire tra mille anni e millennio dopo millennio quelli che a noi paiono passi da gigante saranno considerati come la primordiale accensione del fuoco rotolando un legno tra le due mani.