poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI …

discussione

litigavo con la Morte, oggi. le chiedevo il senso
di questo sbattimento per arrivare a fine mese
o alla terza settimana, visti i tempi. e poi perché
con tutto questo spazio nell’universo ci si affollava
in un unico gramo buchetto nero che ciascuno poteva possedere
il proprio senza dover sopportare l’altrui villania.
sogghignava la scellerata canticchiando:
Non ti scordar di me la vita mia legata è a te
c’è sempre un nido nel mio cuor per te

idea

teneva in mano un’idea sgualcita e la guardava soppesandola ( su e giù ). poi, anelando a essere libera, scivolò via, barcollò e si sciolse sulla polo. ben poca cosa doveva essere, gli aloni scomparvero con una lieve spruzzata di viavà.

oltre il proprio naso

tra mille anni qualcuno sorriderà nel vederci così come oggi siamo, “sapienti” nell’aver studiato l’umanità di mille anni addietro e dopo altri mille anni qualcuno giudicherà ciò che deve ancora avvenire tra mille anni e millennio dopo millennio quelli che a noi paiono passi da gigante saranno considerati come la primordiale accensione del fuoco rotolando un legno tra le due mani.