scelta

di poesiaoggi

giocavamo a testa o croce
come se dovesse cadere la zucca
dell’antico imperatore
o nux kai hemera,
o giorno o notte,
lo spegnersi nel buio quotidiano.
cosa cambiava, poi ,
nella stupida casualità
dell’esito?
potendo scegliere,
il gioco del carrello al supermercato
era vivere.

Annunci