L’uomo che non parla di Massimo Palladino

di poesiaoggi

Lemon grass

Per una vita fatta di numeri a perdere,
nella graticola del debito costante, sei
tu che mi dici, sorridendo, che tutto va
bene, anche i giorni perduti che qui non
torneranno a farti visita e te ne stai in
attesa di un fischio che ti indichi dove
sarai la prossima volta, senza i Metallica,
a solcare le amare strade di Mexico City.

*

Campo silenzioso

Come il volo di una rondine inattesa
che voli qui, sulla terra ipocrita senza limiti,
quando in anelli di fumo s’irradiano le
false speranze sopra rossi tetti bagnati,
le nostre parole cadranno nel vuoto,
cercando gratitudine per l’applauso
che ti accompagnerà, al campo silenzioso.

*

Le fettine del mugnaio(*)

Sto aspettando l’arrivo infruttuoso di segni
che diano aria ai polmoni in forte attesa qui,
sulla terra degli inganni, per un misero voto
che, come il pane per i poveri, scalderà la loro

solitudine affamata di potere da stendere, come
la marmellata sulle fettine preparate dal mugnaio,
quello bello e impossibile, desiderato e rapito,
che scalda i sogni televisivi di donne dimenticate,

mentre, poi, balla un liscio rapinoso di notte,
davanti all’orchestra stonata attaccata all’acqua
del grande Po che scorre, indubitabile presenza,
a ricordare le alluvioni, come quei desideri scontati.

(*)Vedi la pubblicità per la Barilla dell’attore spagnolo Antonio Banderas

Poesie tratte da L’uomo che non parla di Massimo Palladino di imminente uscita, dipinto in copertina “Senza Volto” di Paola Mariotti.

sv

Annunci