paguri ( 2012 )

di poesiaoggi

tante conchiglie in movimento, talvolta il paguro tira fuori la testa.
così osservo la gente dentro i propri vestiti, le mani libere occasionalmente
salutano prima di rincasare nelle coperte della notte, l’occhio si solleva
prima di ricolorarsi nel grigio dell’asfalto, i piedi rallentano la pausa di un caffè
prima della temporanea eclisse nei sotterranei urbani, la mente mente
nel quotidiano consuntivo prima di appisolarsi con la scusa della bella addormentata.

paguro

Annunci