Voce alle nuove voci: Marco Saya edizioni

di poesiaoggi

generAzione rivista

La salvezza della poesia, la salvaguardia del suo potente patrimonio sia in termini artistici che civili passa — ovviamente — per le mani del poeta, che tanto può far bene alla poesia quanto può far male perché spesso i poeti sono creature vanitose, sprovvedute, vittime inconsapevoli del proprio ego e convinti promotori del proprio prodotto, così arrovellati attorno alla comprensibile fame di attenzione da scordare la profonda importanza del confronto, l’utilità della ricerca poetica, la necessità prima di essere parte integrante di uno scambio di opinioni e non una voce lasciata affievolirsi nel vento. Ecco allora che il poeta, da solo, per la poesia può fare molto ma non può fare abbastanza.
Allora? Allora ogni tanto, tra grandi nomi dell’editoria inaccessibili per il povero poeta emergente e proposte editoriali ambigue che di quest’ultimo vorrebbero sfruttare l’ingenuità, ogni tanto scopri che qualcuno ha davvero a cuore il destino della poesia, e…

View original post 951 altre parole

Annunci