Misinabì di Giulio Maffii in uscita …

di poesiaoggi

Scendemmo poi
con le briciole piene di tasche
e l’ansia delle saracinesche nell’ora di chiusura
o quando taci
precipitammo quindi
costola su costola
e dalla grotta uscirono
quelli che si erano fatti umani
Quante lapidi di polvere
e ancora verbi e parabole
-ascolta il respiro delle pietre-
tu come allora dicesti noi
ma ero già dimenticato
Non ricordo
non ricordo la direzione
segnata dai pali della luce
dalle semplici scarpe
-ho visto il tuo corpo
l’ho visto con la mandibola felice-
e tutto intorno
questi strappi di universo
le molecole di un abbraccio
mai giunto a destinazione
Guardi la traiettoria della chiave
già sei nel deposito di ruggine

Copertina_Misinabi

Annunci