Distanze

di poesiaoggi

Da sempre, detesto la poesia. La poesia e i poeti. Vivo in un Paese in cui prolificano gli autori, ma non certo i lettori, e dove l’autoproduzione editoriale domina questo genere più di altri. Abbandono le mie ostilità solo davanti alla sorpresa, a quella sensibilità che ogni tanto mi lascia spiazzata, e alla capacità che hanno in pochi, di regalarti un punto di vista di cui avevi bisogno. E’ la poesia a cui vale la pensa di dedicare uno spazio in una libreria che sta ormai esplodendo. L’ho trovato volentieri, un posto sullo scaffale, per la raccolta Distanze di Ben Simon, pseudonimo di non so quale scrittore italiano che ringrazio per aver realizzato questo libro (Marco Saya edizioni, 159 pag, 12 euro).

Continua su … http://senzaunadestinazione.blogspot.it/2015/02/distanze.html?m=1

Altra breve recensione su: http://theblogaroundthecorner.it/2015/03/le-brevi-di-valerio4-ben-simon/

Copertina_Simon-page-001

Annunci