Recensione a Luce nera di Nicola Vacca a cura di Lorenzo Mazzoni

di poesiaoggi

Luce nera, di Nicola Vacca (Marco Saya Edizioni), di cui mi sono già occupato qualche mese fa, è forse una delle raccolte più incisive e riuscite del coraggioso critico che dopo due anni ritorna alla poesia. Come scritto nell’epigrafe iniziale di Cioran: “Il male, al contrario del bene, ha il duplice privilegio di essere affascinante e contagioso” ed è di questo “contagio” che parlano, in parte, le liriche dell’autore gioiese. Proiettili che colpiscono il bersaglio emotivo del lettore. Frammenti, schegge di viscerali stati d’animo: rabbia, dolore, rivolta. C’è una capacità formidabile, in queste poesie, di leggere il mondo contemporaneo e le sue brutture, facendo delle influenze letterarie un proprio stile di raccontare e di rendere questo racconto musicale e arzigogolato.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/07/02/libri-suggestioni-letterarie-per-lestate/1831364/

Copertina_Vacca-page-001

Annunci