Recensione a cura di Paolo Fiore del libro Luce nera di Nicola Vacca

di poesiaoggi

Un taglio trasversale dell’esistenza umana, tangente il bordo dell’abisso, “Luce Nera” di Nicola Vacca accende i riflettori sul backstage della narrazione dell’uomo:L’indicibilità del male eppure la sua consustanzialità alla nostra esperienza. Non è un caso che la silloge sia inaugurata dall’occhio millenario di Isaia che “scruta il cielo di Dio da questa terra malferma di peccatori” confondendo suburanio ed iperuranio, accomunati dalla contaminazione del bene e del male dove “angeli di carne camminano insieme agli assassini di ogni bene” (p.I). Il profeta, cerniera oracolare tra alto e basso, traduttore di un linguaggio ineffabile, posa il piede nel territorio del sacro dove tutto è Caos. Il medesimo “caos” che “vuole il dubbio ma poi semina disordine nelle anime violate dalla colpa, dal torto” (p.II). E lì rimane invischiato nella contaminazione primigenia dei contrari, irriducibile all’arrendevole metro della ragione che tenta tassonomie che naufragono miseramente nelle sabbie mobili dell’Indistinto. La perfezione è la contemplazione estatica del Nulla, l’impostura più grande e allora la scelta necessaria è “l’incompiuto, una traccia da seguire anche se lasciata da un’orma che vacilla”(p.XI), orma che è insieme sé ed altro da sé, orme di nostri ed altrui piedi, “Parole per camminare con un’anima che indossa l’intuizione di una pista dorata”(p.LIII) per un cammino lastricato di parole, per questo Vacca ci confessa:”metto per iscritto le parole con l’intenzione di liberarle, scrivo su questo disordine di pagine e l’unica cosa che viene fuori è un grido che lacera l’amore”(p.XIV). Necessario, infatti, guardare le parole inchiodate dall’inchiostro, per vedere allo specchio quel sangue nero rapprendersi dalla nostra bocca poiché “Ci affanniamo a vestire la vita” sia pure con i nostri poveri cenci da Arlecchino mentre in agguato “c’è sempre la Storia che porta con sé un nuovo tempo del male che si dilegua nella nostra apocalisse quotidiana”(p.XV).Questo nostro svelamento personale contro la narrazione paradigmatica dell Storia. Necessità di parole apocrife con un eccedenza di senso, perché “Le parole apocrife sono il mezzo più sicuro per non perdere la follia”(pXIII), una semantica multipla che suona più registri narrativi, per questo “forse è stato vano il tentativo dei filosofi di voler dare all’esistere una forma”(p.XXIV). “La vita morde gli anni e si sta tutti nell’avamposto del mondo in cerca di una difesa: l’attacco porta con sé minacce”(p.XXVII).Non rimane che “Essere immanenti alle cose e interrogare Dio senza pretendere alcuna risposta”(p.XXVII). In questo deserto dei Tartari Giobbe non avrà una seconda possibilità ma non smetterà di interrogarlo, il suo dio. La sua eticità non giustifica la pretesa di una benevolenza divina, solo timore e tremore.Nessuna giustizia necessaria, al contrario: necessità nell’assenza celeste di una giustizia antropomorfa. Al di là del bene e del male l’Universo mondo, ancorato alla necessità del bene e del male l’Universo umano, questi con l’ illusione che tutto il cielo sia azzurro, quello con la certezza che il colore degli spazi siderali sia il nero, quella Luce Nera di Nicola Vacca è l’incommensurabilità della dimensione della divinità solitaria e deserta alla provvidenza materna sub specie societatis. Ma se “Abbiamo già perso perché non sappiamo resistere alla bellezza sinistra del terrore” sappiamo comunque che “C’è una dolcezza nella malinconia che si stampa nel cuore”.

recensione di Paolo Fiore

http://www.aphorism.it/nicola_vacca/libri/luce_nera/

Annunci