Da Diario ordinario di Ginevra Lilli

di poesiaoggi

Primavera

Guarda il Tevere,
se ne vorrebbe andare.
Eppure è sempre lì.
Corre lui, corriamo noi,
paralleli al suo corso.
La primavera
è nelle pozzanghere.
È in uno starnuto sghembo,
in un brivido di contentezza.

Roma, 20 marzo 2013

Copertina_Lilli (2)

Annunci