scale

di poesiaoggi

scendeva per le scale saltando, a tre a tre, i gradini.
il corrimano, uno scivolo di emergenza
per un gioco, a volte, più spericolato. non aveva paura,
immaginava il futuro come una perenne corsa
dal settimo al piano terra lungo quello spazio vuoto
attorno al quale si avvolgevano le scale.
era il suo mondo, fuori dal portone di casa
il presente delineato nel piatto,
silente, viscido asfalto della strada.

Tratta dalla raccolta poetica Chiacchiericcio, 2012

scale

Annunci