poesiaoggi

POETICHE VARIE, RIFLESSIONI ED EVENTUALI …

Mese: giugno, 2016

CLAUDIA ZIRONI0

Annunci

Luca Vaglio, Cercando la poesia perduta

Poetarum Silva

vaglio-copertinaLuca Vaglio, Cercando la poesia perduta, Marco Saya, 2016, € 10,00

*

Introduzione dell’autore

Il testo che apre questo libro ripropone, in una forma ampliata, i contenuti di un’inchiesta pubblicata sul quotidiano online Gli Stati Generali il 29 maggio del 2015 e focalizzata sulla possibile marginalizzazione recente del genere letterario della poesia. Su invito del poeta Biagio Cepollaro, il tema è stato rilanciato in una conversazione, apparsa sul blog Nazione Indiana il 7 settembre del 2015, tra lo stesso Cepollaro e chi scrive. Lo spirito del libro, come pure quello dell’articolo da cui origina, è di interrogarsi sulla condizione della poesia in Italia e di raccogliere punti di vista differenti sullo stato delle cose. Non c’è invece la pretesa di dare risposte, di indicare soluzioni o di sollevare giudizi definitivi. Più interessante e fertile ci pare, salvi alcuni dati di fatto e ammesse tutte le opinioni, alimentare una riflessione sulla…

View original post 949 altre parole

fantasmi, spettri, schermi, avatar e altri sogni

Fresca di stampa la nuova raccolta di Claudia Zironi con prefazione di Francesca del Moro e postfazione di Vladimir D’Amora già disponibile su IBS, AMAZON e ordinabile presso qualsiasi libreria.
http://www.ibs.it/…/zironi-cl…/fantasmi-spettri-schermi.html
https://www.amazon.it/Fantasmi-spettri-s…/…/ref=aag_m_pw_dp…

che basterebbe poi parlarsi
con mente pura
per acquietare i fantasmi
vaganti nelle anime a milioni.
basterebbe ascoltarsi e chiedersi
se sia necessario invero
il clangore del metallo
a riempire uno stolido silenzio

Cinquina finalista XXVIII Premio Camaiore

Cinquina finalista XXVIII Premio Camaiore

Cristina Annino – “Anatomie in fuga” Donzelli
Dante Marianacci – “Scenari della mente” Di Felice
Roberto Mussapi – “La piuma del Simorgh” Mondadori
Silvio Raffo – “La vita irreale” Robin & sons
Nicola Vacca – “Luce nera” Marco Saya Edizioni

camaiore

XXVIII Premio Letterario Camaiore, annunciati i finalisti

 

Sul “Manifesto”, oggi si parla de “Il colpo di coda. Amelia Rosselli e la poetica del lutto, a cura di Enzo Campi, Marco Saya Edizioni

Altra recente pubblicazione, a cura di Enzo Campi per le edizioni Marco Saya, èIl colpo di coda. Amelia Rosselli e la poetica del lutto (pp. 144, euro 12). Il volume si compone di contributi critici (Daniele Barbieri, Biagio Cepollaro, Antonella Pierangeli, Salvatore Ritrovato, Marco Adorno Rossi), contributi poetici e creativi (Antonio Loreto, Silvia Molesini, Renata Morresi, Marina Pizzi, Maria Pia Quintavalla, Maria Luisa Vezzali) e due lettere immaginarie (Tiziana Cera Rosco e Plinio Perilli). Esso contiene inoltre i testi dei vincitori e dei finalisti dei concorsi letterari banditi dal Festival Bologna in Lettere in occasione della quarta edizione appena conclusasi e dedicata quest’anno a Rosselli.

I contributi critici indagano, secondo prospettive d’analisi differenti, la questione dello statuto della soggettività e dell’esposizione del sé biografico in concomitanza alla relazione di comprensibilità tra il sé, l’altro e il mondo: da cui la scrittura come pratica relazionale, la questione dei rapporti tra soggettività e linguaggio, il dibattersi tra sperimentalismo e il mito pasoliniano dell’irrazionalità.
Ma perché «colpo di coda»? Da dove viene l’immagine del titolo? Enzo Campi spiega che il colpo di coda è una forma di slancio e di ripiegamento nel sé: tutto in Rosselli «verte sul doppio e sul raddoppiamento perché – proprio per l’imprinting luttuoso – ad ogni gettata verso l’esterno, verso un qualsiasi destinatario corrisponde un ritorno verso il mittente, un rientro-a-sé. Sembrerà quindi evidente che il colpo di coda non può rappresentare un punto di fuga ma un punto di rientro». E quando chi legge percepisce tale colpo di coda, quando percepisce il punto di «rientro a-sé» ecco presentarsi una forma di decentramento del soggetto intenzionale: essa passa tramite l’abbandono del sé, da cui l’estromissione dal «fare vita» attraverso l’impersonificazione del lutto – i modi poetici che compongono l’autoritratto luttuoso di Rosselli.

La riflessione sulla soggettività rosselliana volge alla messa in esame del linguaggio poetico: questa lingua così eterodossa, così multipla e babelica ha saputo mettersi a confronto con il carattere istituzionale e canonico dell’italiano della comunicazione quotidiana, corrompendone il suo statuto di lingua d’uso. Ma anche la lingua della tradizione poetica è perturbata, mediante i processi d’ibridazione con le altre due lingue del patrimonio culturale di Rosselli: il francese e l’inglese. Francesco Carbognin scrive che i suoi esperimenti interlinguistici «ne corrompono l’intima singolarità idiomatica, ibridandone le strutture con le peculiarità fonologiche, mor-fologiche, sintattiche e lessicali di altre due lingue: quasi si trattasse, per ogni lingua implicata nell’elaborazione del testo, di infrangerne il carat-tere stesso di sistema autosufficiente di segni, al fine di disoccultarne, sul piano allegorico, una sottesa ambizione al totalitarismo semantico, di contrastarne l’unilateralità della visione del mondo soggiacente alla tradi-zione letteraria in essa storicamente articolata».

http://ilmanifesto.info/nel-pulsare-delle-moltitudini/

 

ALLA GORBUNOVA – 5 POESIE DA “LA ROSA DELL’ANGOLA” (COLLANA “KELEN” DIRETTA DA ANTONIO BUX, MARCO SAYA EDIZIONI, MILANO 2016)

DISGRAFIE - a cura di Antonio Bux

0001 (10)
Con “La rosa dell’Angola”, della poetessa russa Alla Gorbunova (tradotta da Paolo Galvagni), si inaugura “Kēlen” una nuova collana di poesia internazionale diretta da me per le Marco Saya Edizioni di Milano. In uscita a fine Giugno 2016, il libro consterà di 96 pagine e avrà un costo di 10 euro. Per ulteriori dettagli fare riferimento al sito dell’editore, grazie! Un caro saluto,
 
Antonio Bux
 
 
 
nella promessa di una catastrofe
 
c’è un lungo momento, quando si paralizzano persone e fiere,
come il sole, fermato da Giosuè, sul vetro dei grattacieli.
atomi e molecole, virus e amebe pare
abbiano puntato a carte giocando a “credi – non credi”.
 
il momento lento è sospeso nell’aria prima che
il tuono rimbombi, e questo momento di rallentamento
prima della catastrofe dura millenni,
finché non si spegne l’esile miccia della speranza.
 
come sott’acqua, i corpi compiono
movimenti rallentati…

View original post 508 altre parole

Oggi pomeriggio alle 17,30 alla Libreria Popolare di Via Tadino – Milano

Oggi pomeriggio alle 17,30 alla Libreria Popolare di Via Tadino – Milano:

“…questo libro e le sue forme pongono una domanda e ricercano risposte, su come può essere possibile, oggi, condurre una appassionata e incerta ricerca su entrambi i fronti, della lingua e della conoscenza della realtà molteplice e aggrovigliata del mondo contemporaneo.”

L’associazione culturale Milanocosa, in collaborazione con Marco Saya Editore presentano la raccolta di poesie:

GEOMETRIE SCALENE

di LAURA CANTELMO, a cura di ADAM VACCARO

Con l’autrice intervengono:

ALESSANDRA PAGANARDI
GIAMPIERO NERI
ADALBERTO BORIOLI al flauto traverso

Sonia Lambertini FRAMMENTI PER STRAUCH

1

Respingimento della natura
dice Strauch, anche il canto
del pettirosso fuori stagione
diventa solitudine.

2

La solitudine
è crudele,
ogni luogo è straniero
come il cerchio
delle braccia del padre.

3

L’intreccio del padre
e della madre,
quello che chiami
amore, per Strauch
è atto criminale.

4

Allo Steinhof
curano la fantasia,
il disordine che vive
al di là del corpo;
forse la cura
è nascosta nel bosco.

5

Spero nella pioggia
nel senso geometrico
che porta in grembo
nel suo cadere senza paura
e sparire, nessuna traccia.

6

La geometria dei corpi solidi
mi spieghi il peso del cuore vuoto
la misura della mancanza
l’invisibile che opprime.

7

L’ombra dell’inverno
e il nero delle tue finestre.
Troppo veloce il buio,
una corsa da fermi.
Il gelo non è per tutti.
Mi hai detto – Se lo vedi, lo capisci.

(Sonia Lambertini – Danzeranno gli insetti. Marco Saya Edizioni. Milano, 2016).

continua su:

Frammenti per Strauch

 

 

 

Presentazione ACHAB presso JACA BOOK con Sara Calderoni, Fabrizio Elefante, Fernando Coratelli, Franz Francesco Krauspenhaar, Giuseppe Munforte, Cristina Mesturini, Mario De Santis

SIMONA DE SALVO – 5 POESIE DA “LA CAMICERIA BRILLANTE DEI MIEI ANNI” (COLLANA “SOTTOTRACCIA”, DIRETTA DA ANTONIO BUX, MARCO SAYA EDIZIONI, MILANO 2016)

DISGRAFIE - a cura di Antonio Bux

0001 (8)
A fine Maggio 2016, è stata pubblicata la terza uscita per la collana “Sottotraccia”, che dirigo per le Marco Saya Edizioni di Milano. Dopo “Nel rovescio del perdono” di Bruno Lugano, e “Capelvenere” di Andrea Gruccia, è il turno di Simona De Salvo, con “La camiceria brillante dei miei anni”. Il libro consta di 74 pagine ed ha un costo di 10 euro. Per maggiori dettagli, fare riferimento al sito dell’editore, grazie! Un caro saluto,
 
Bux
 
 
 
***
 
Il sole, dalla finestra dell’Hotel Hannover
genera una linea d’ombra sotto il marmo
del davanzale.
È di nuovo estate.
Alla tivù, un documentario sul doppio omicidio di
Chris Benoit, in Georgia.
Trovato impiccato nella palestra di casa; la moglie Nancy
e il figlio, strangolati.
L’universo semiotico si dilata nel sole concavo
dell’Hannover,
entra l’odore di mare, pulito e forte
ed entrano altre narrazioni.
Fuori, Riccione sdraiata sulle tegole…

View original post 606 altre parole